Marco Rovelli

Marco Rovelli - home pageMarco Rovelli - pubblicazioniMarco Rovelli - musicaMarco Rovelli - teatroMarco Rovelli - In evidenza, novità e aggiornamentiMarco Rovelli - testi e recensioniMarco Rovelli - immaginiMarco Rovelli - videoMarco Rovelli - linkMarco Rovelli - contatti

 


[indietro]

 

19/05/2020

Recensione a La parte del fuoco di David Valentini su Critica letteraria

 

Se mi ritrovassi a scrivere la quarta di copertina del libro di Rovelli, probabilmente la scriverei così: “Questa è una storia di corpi, incontri e seconde possibilità”.

La parte del fuoco è una storia di corpi perché nel fuoco ci sono i corpi di Karim ed Elsa. Mi si obietterà che tutte le storie hanno al centro dei corpi, in quanto questi fungono da sineddoche per i personaggi le cui vicende vengono narrate. In questo caso parlare di corpi è però essenziale: è attraverso di loro che la storia prosegue, perché senza questa presenza fisica, quasi materica, la narrazione non avrebbe la stessa capacità espressiva. Senza il fascio di luce gettato sul corpo di Karim, piagato dalla fame prima e spezzato dalla fatica poi, sarebbe difficile sentire emotivamente il suo viaggio dalla Tunisia alle coste italiane, e da queste all’entroterra nostrano, che è luogo meno selvaggio, sì, ma non per questo più sicuro per chi vive vite clandestine. Allo stesso modo, senza il primo piano sui tagli di Elsa, non sarebbe possibile comprendere il disagio di una ragazza che si autoflagella per richiedere un minimo di attenzione a quei genitori che sembrano affrontare l’esistenza della figlia come una sospensione dalla realtà. Nei loro corpi pieni di materia, pur contusi, emaciati, mutilati, ritroviamo la pienezza di due vite che altrimenti sarebbe arduo raccontare.

La parte del fuoco è una storia di incontri perché due corpi che si incontrano e si ritrovano simili, anche nella loro diversità, sembrano quasi destinati ad attrarsi. Gli incontri più importanti avvengono spesso in modo casuale: ogni giorno si trovano per strada decine di persone, eppure fra tutto quel marasma di gente avviene un singolo sguardo, un singolo gesto che indica la via. Così avviene fra i due protagonisti, e il loro inizio è qualcosa che chiunque può percepire proprio. È uno scegliersi involontario. Rovelli è bravo a esaltare quel quid – non saprei dargli un nome: è qualcosa legato al fato, al destino, è un filo rosso, un legame ancestrale – che attrae due persone anche quando sono distanti. È un richiamarsi continuo, un bisogno che si fa necessità. Questo libro parla di incontri come questo.

La parte del fuoco, infine, è una storia di seconde possibilità. Non solo la possibilità che Karim ottiene andando via dal proprio paese e rifacendosi una vita; non solo la possibilità che Elsa ha quando decide di tornare sulle sue tracce: bensì la seconda possibilità che entrambi si danno quando ogni evento sembra voler gridare il contrario. È un riscatto, il loro, che non viene da una concessione divina o sociale, quanto piuttosto dalle viscere che li abitano. È un riconoscersi degni di qualcosa.

La parte del fuoco è la storia di due corpi che, incontrandosi, donano l’uno all’altro una seconda possibilità. La bellezza di questo libro è qui.
 
https://www.criticaletteraria.org/2020/05/la-parte-del-fuoco-marco-rovelli.html
 

 

Marco Rovelli - news e aggiornamenti

09/10/2020
>> Concerto Portami al confine
Milano



10/10/2020
>> Concerto Portami al confine e Presentazione La parte del fuoco
Parma



16/10/2020
>> Raccontare la realt?: le scritture ibride tra saggistica e narrativa
Viareggio



13/11/2020
>> Concerto Portami al confine tour
Firenze



17/12/2020
>> Concerto Portami al confine tour
Roma




Marco Rovelli - news e aggiornamenti

15/09/2020
>> Recensione a La parte del fuoco di Romano A. Fiocchi su Nazione Indiana


15/09/2020
>> Recensione a La parte del fuoco di Alessandra Bartucca su Ork Mindy Ork


14/09/2020
>> Recensione a Portami al confine di Salvatore Esposito su Blogfoolk


28/07/2020
>> Recensione a Portami al confine di Giuseppe Provenzano su Extra Music Magazine


05/07/2020
>> Recensione a Portami al confine di Alfredo Sgarlato su Distorsioni


 
Area Stampa realizzazione
Francesco Adamo francesco adamo - web e graphic design