Marco Rovelli

Marco Rovelli - home pageMarco Rovelli - pubblicazioniMarco Rovelli - musicaMarco Rovelli - teatroMarco Rovelli - In evidenza, novità e aggiornamentiMarco Rovelli - testi e recensioniMarco Rovelli - immaginiMarco Rovelli - videoMarco Rovelli - linkMarco Rovelli - contatti

 


[indietro]

 

11/07/2012

Silvia dai Pra' legge Il contro in testa - per #ioleggo #Contromano

 Silvia dai Pra', autrice di Quelli che però è lo stesso, legge Il contro in testa di Marco Rovelli

 

Dopo qualche anno a Siena e più di dieci a Roma, a volte fatico a scindere il concetto di sinistra da quello di radical-chic – che è, per me, al di là delle immagini più grottesche e/ o folkloristiche del fenomeno, una sinistra che ha completamente dimenticato, per opportunismo e conflitto di interessi, il tema del lavoro. E questo è piuttosto disturbante, visto che sono cresciuta in una città, Massa, dove sinistra voleva dire principalmente difesa dei diritti dei lavoratori. Perciò è stato commovente ritrovare quell'ambiente nel libro di Marco Rovelli, Il Contro in testa, e, per questo motivo, il libro può essere utile a tutti: le lotte anarchiche di fine Ottocento, la resistenza, le stragi fatte da tedeschi e maimorti nei paesi apuani, gli scioperi operai, Lotta Continua, le lotte ambientaliste degli anni Ottanta, fino allo smantellamento del polo industriale, la depressione economica, i tassi di disoccupazione alle stelle – il tutto, per ricordarci quali avanzamenti passati e quali potenzialità odierne rischiamo di dimenticare, ogniqualvolta ci lasciamo confondere dalle facce e dalle parole della sinistra di oggi. Dopo, non c'è molto, anzi: spesso uno scimmiottare le lotte degli anni Settanta che Marco, dolorosamente, indica come leit-motiv della sua generazione – fino, però, alla recente occupazione da parte degli immigrati del Duomo di Massa, con una piena solidarietà da parte della popolazione locale, occupazione che sembra riaprire in modo drammatico i termini del vecchio conflitto capitale / lavoro – conflitto che oggi potremmo dire attuale, non fosse che le lotte e la determinazione degli scioperanti di ieri poco sembrano avere in comune con un paese che si lascia devastare attendendo pigramente uno sciopero CGIL. Il libro di Marco, con le parole dei protagonisti dell'epoca, le bettole, gli anarchici, tutto il mood che si respira nella provincia allontanandosi dalle spiagge riservate ai turisti e avvicinandosi alle splendide Apuane, ci ricorda anche questo: che nessuno, ieri, ha ottenuto nulla senza rischiare di persona, e rischiando anche molto.

Marco Rovelli - news e aggiornamenti

20/11/2019
>> Incontro sulla lotta dei curdi
Castelnuovo Magra (Sp)



22/11/2019
>> Parole e musica per il Kurdistan
Piacenza



27/11/2019
>> Rassegna ?Voci civili?
Pisa



13/12/2019
>> Concerto presentazione Portami al confine
Bologna



14/12/2019
>> Catena umana per Giuseppe Pinelli
Milano




Marco Rovelli - news e aggiornamenti

21/10/2019
>> Intervento a Cactus (Radio Capital) sui partigiani curdi


18/02/2019
>> Recensione a Il tempo delle ciliegie di Matteo Moca su l'Indice


31/12/2018
>> Bella una serpe con le spoglie d’oro tra i 10 migliori album del 2018 su Blogfoolk


26/12/2018
>> Bella una serpe con le spoglie d?oro nei Best 2018 per Riccardo Santangelo su Il popolo del blues


22/12/2018
>> Bella una serpe con le spoglie d’oro Best 2018 Alias/il manifesto, di Marco Ranaldi


 
Area Stampa realizzazione
Francesco Adamo francesco adamo - web e graphic design