Marco Rovelli

Marco Rovelli - home pageMarco Rovelli - pubblicazioniMarco Rovelli - musicaMarco Rovelli - teatroMarco Rovelli - In evidenza, novità e aggiornamentiMarco Rovelli - testi e recensioniMarco Rovelli - immaginiMarco Rovelli - videoMarco Rovelli - linkMarco Rovelli - contatti

 


[indietro]

 

15/04/2015

Recensione a Tutto inizia sempre su La Repubblica di Fulvio Paloscia

 DISAPPARTENENZA è una delle prime parole che Marco Rovelli canta nel suo nuovo album "Tutto inizia sempre" (si acquista sul sito www.marcorovelli.it). Sta lì, nella forza di un incipit, a ricordarci una dimensione in cui Rovelli vive da un pezzo. Perché se c'è una parola d'ordine per entrare nel mondo del cantautore e scrittore massese è quello dell'incollocabilità: non tanto politica, visto che il suo amore(di intellettuale, ma soprattutto di uomo) per l'anarchia lo ha dichiarato più volte, ma prima di tutto musicale. Appiccicare l'etichetta "impegno" a quello che fa rischia di imbrigliarlo in una formula sonora antica e polverosa, roba di quarant'anni fa dove la parola – anzi, "il messaggio", come si diceva – era tutto, la musica poco o niente. No: Rovelli veste le sue idee fatte canzone con un'attenzione devota, verrebbe da definirla un vero e proprio "atto d'amore", nei confronti del suono, come già avveniva quando militava nei Les Anarchistes. Il ponte che lo porta dalla tradizione del cantautorato di protesta è tutt'altro che pericolante, perché nel tragitto Rovelli incontra il rock elettrico, l'acustico "da camera" con un respiro classico-sinfonico, il folk in tutte le sue evoluzioni. Per cantare cose grandi e necessarie, cose che oggi i cantautori non fanno più. Perché a tirare le fila dell'album sono personaggi storici che hanno vissuto per tenere i loro principi lontani da ogni possibile catena: dall'eroe risorgimentale Carlo Pisacane, nostro Che Guevara qui raccontato nella sua tormentata storia d'amore con Enrichetta (parabola di un'intera esistenza battagliera), a Vittorio Arrigoni attivista e reporter che si stabilì nella Striscia di Gaza, a Don Gallo, il ribelle la cui tonaca di sacerdote non fu certo ostacolo a gesta lontano dalla Chiesa, e che pure dovrebbero far parte dell'operato ecclesiastico. E un dio «dal gesto distruttore».

Marco Rovelli - news e aggiornamenti

01/02/2020
>> Concerto Portami al confine tour
Pisa



10/02/2020
>> Incontro su scrittura sociale e canto sociale
Massa



14/02/2020
>> Concerto Cantare storie
Viareggio (Lu)



17/02/2020
>> Intervista live a Riserva Indie Contatto radio
Carrara



21/02/2020
>> Concerto Portami al confine tour
Solaio (Lu)




Marco Rovelli - news e aggiornamenti

26/01/2020
>> Intervista per Rebel Girl (Radio Onda d'urto) di Laura Pescatori su Portami al confine


21/10/2019
>> Intervento a Cactus (Radio Capital) sui partigiani curdi


18/02/2019
>> Recensione a Il tempo delle ciliegie di Matteo Moca su l'Indice


31/12/2018
>> Bella una serpe con le spoglie d’oro tra i 10 migliori album del 2018 su Blogfoolk


26/12/2018
>> Bella una serpe con le spoglie d?oro nei Best 2018 per Riccardo Santangelo su Il popolo del blues


 
Area Stampa realizzazione
Francesco Adamo francesco adamo - web e graphic design